Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Claudio Marazzini: "L'italiano è meraviglioso: Che cosa fa l'Accademia della Crusca per la lingua” - Settimana della Lingua Italiana

Data:

24/10/2019


Claudio Marazzini:

Facendo seguito alla pubblicazione del suo più recente ed assai battagliero libro ""L’italiano è meraviglioso. Come e perché dobbiamo salvare la nostra lingua", (Rizzoli, 2018). il presidente della secolare accademia nazionale, Claudio Marazzini, tiene una conferenza sull'importanza di proteggere e promuovere la lingua italiana.

Claudio Marazzini è professore ordinario di Storia della lingua italiana nella Facoltà di Lettere dell'Università degli Studi del Piemonte Orientale, socio dell'Accademia delle Scienze di Torino, Presidente dell'Accademia della Crusca dal 2014. Ha insegnato in altri atenei italiani ed è stato professeur invité nell'Università di Losanna (UNIL), in Svizzera. È autore di oltre 200 pubblicazioni, libri e articoli dedicati alla storia della lingua, alla lessicografia, alla storia linguistica regionale, alle teorie linguistiche, al dibattito sulla questione della lingua in Italia, al linguaggio letterario. Svolge attività giornalistica: dal 1990 è titolare della rubrica Parlare e scrivere del settimanale "Famiglia Cristiana". Ha prodotto opere rivolte alla scuola.

L’Accademia della Crusca è attiva dal 1583, a Firenze. Nei secoli, l’attività dell’accademia è cambiata, anche se la specializzazione sulla lingua e sulla lessicografia è rimasta sempre costante.

Venerdì 25 ottobre, alle ore 17,  intervento di Claudio Marazzini al Graduate Center della CUNY (365 Fifth Avenue, aula 9206, al nono piano) sul tema seguente: "Com'era difficile essere autore di teatro in Italia: una lingua alla ricerca del vero parlato".
In collaborazione con il Dip. di Letteratura Comparata del CUNY Graduate Center.

Informazioni

Data: Gio 24 Ott 2019

Orario: Dalle 18:30 alle 20:00

Organizzato da : ICI

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura di New York

1878