Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

FESTIVAL PIANISTICO – Alessandro Vena Piano Recital

Il periodo delle festività si sta avvicinando. L’Istituto Italiano di Cultura intende celebrarlo con le armonie di uno strumento particolarmente legato alla tradizione italiana: il pianoforte.

Trecento anni fa fu un italiano, Bartolomeo Cristofori, a inventare il primo pianoforte. A differenza del clavicembalo, il pianoforte era capace di modulare espressivamente il suono, attraverso la dinamica piano-forte che diede appunto nome allo strumento.

E fu un altro italiano, Muzio Clementi a sperimentare sonorità nuove, in un dialogo serrato tra composizione musicale e costruzione dello strumento. Da Muzio Clementi iniziò uno scuola pianistica che in fondo continua ancora oggi, dato che i suoi studi sono alla base della tecnica anche del pianismo contemporaneo. Di Muzio Clementi – definito “padre del pianoforte”, ricorrono qiest’anno i 260 anni dalla nascita e i 190 dalla morte.

Per questi motivi l’Istituto ha organizzato un Festival Pianistico che andrà dal 6 all’8 dicembre.

 

***

 

L’Istituto è lieto di presentare

Alessandro Vena 

Piano Recital 

 

Programma

-M. CLEMENTI: Sonata op 26 n. 3

-M.CLEMENTI: Sonata op 39 n. 2

-J.FIELD: Nocturnes NN 1, 5

– F.CHOPIN: Nocturnes op 9 n 1

-F.CHOPIN: Nocturnes op 55 nn 1,2

-O.RESPIGHI: Nocturne

 

“Ottave impeccabili ed implacabili, e ancora, Alessandro Vena in questo cd fa scendere dal piedistallo della storia sia Bach sia Busoni risultando convincente sul piano virtuosistico e stilistico…” cosi’ “MUSICA” la più importante rivista sulla discografia musicale internazionale parla di Alessandro Vena dedicandogli un’intervista esclusiva e la copertina del mese di giugno 2012

Alessandro Vena

Dopo gli studi di pianoforte, clavicembalo e didattica del pianoforte, Alessandro Vena si perfeziona presso l’Accademia Rubinstein di Roma con pianisti del calibro di Carlo Grante e Sasha Bajcic iniziando una carriera concertistica presso le principali città italiane ed estere. Vena propone un repertorio che spazia dal barocco ai contemporanei con una predisposizione per i romantici, e Chopin in modo particolare.
Come artista “Sheva” ha registrato musiche di Chopin, Bach, Bach-Busoni di cui sta effettuando l’integrale, Scarlatti, Mozart, Franck, Debussy, Liszt, Schumann, Rota, Pirrone, Fribbins, Lupis, Zannoni, Paus, Schoenberg. Shostakovich, Sibelius. Per l’etichetta “Fortibus” ha inciso le trascrizioni pianistiche di Alexander Siloti, e ancora pagine di Elgar, Rachmaninoff, Leoncavallo, Gershwin, Glass e Cage.

La sua attività concertistica internazionale lo porta a tenere recital in Italia, Europa e America; in qualità di pianista solista ha tenuto concerti per prestigiosissime Stagioni accompagnato da Orchestre Sinfoniche di prestigio mondiale tra cui la “Tchaikovsky Russian State Philharmonic Symphony Orchestra” e la “Bulgarian State Philharmonic Orchestra di Vidin” e nel 2019 ha debuttato con il Concerto n 2 di Shostakovich accompagnato dalla Filarmonica di San Pietroburgo.

Alessandro Vena ha inoltre tenuto solo recital in tutta Italia su invito di prestigiosi enti tra i quali: Roma Università Lumsa, Teatro Marcello, Sala Baldini, Università Valdese, Villa Torlonia, Auditorium; Perugia Università degli Stranieri, Foligno Teatro San Domenico, Spoleto Festival dei Due Mondi, Taormina Festival, Marsala Teatro Sollima, Napoli Fondazione Ciccolini, Palermo Conservatorio Statale, Messina Conservatorio Statale.

L’attività solistica lo ha portato su palcoscenici mondiali quali IIC di Los Angeles, The National Opera Center di New York, Teatro Colon di Buenos Aires, The Ohrid Choir Festival (Macedonian), Kino Babylon Berlino, Centenario di Assunsion (Paraguay), Center Culturel Belgio, Campbellsville University (USA), The Luisville Loretto Motherhouse (USA), DiMenna Center di New York, IIC di Buenos Aires, Teatro della Benevolentia di Buenos Aires, Middlesex University di Londra, Art Gallery Museum di Sofia.

Nel 2010 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento “Una vita per la musica”, e ancora l’ onorificenza dal Centro Studi Melitensi del Sovrano Ordine di Malta, nonché il titolo di “Onorario” del FAI (Fondo Ambiente Italiano).

La sua attività didattica lo porta e tenere Masterclass presso Conservatori italiani e Università Europee ed americane tra cui la Middlesex University di Londra, la University of Michigan di Ann Arbor, l’Haverford College di Filadelfia, l’Aquinas College di Grand Rapids, la Campbellsville University, ed è frequentemente commissario in concorsi pianistici. Attualmente è docente di Pianoforte presso il Conservatorio Statale di Musica di Potenza. Antonino Pirrone, Davide Zannoni, Micheal Williams ecc. sono alcuni tra i compositori che hanno a lui dedicato pagine pianistiche.

RADIO RAI 3 su “PRIMO MOVIMENTO” ha presentato tutti i suoi lavori discografici e la rivista Piano solo ha incoronato il suo ultimo disco con 5 stelle, il massimo previsto dalla critica musicale.

Prenotazione non più disponibile

  • Organizzato da: IIC-NY